Page Nav

HIDE

Gradient Skin

Gradient_Skin

Breaking News

latest

"Votò il salva-Benetton". Salvini risponde al Pd: "Sì, ma chi non ha vigilato dovrebbe fare silenzio"

Di Claudio Cartaldo Matteo Salvini  riconosce di aver votato il rinnovo della concessione ad Autostrade in tempi in cui il crollo del v...

Risultati immagini per SALVINI AUTOSTRADE
Di Claudio Cartaldo
Matteo Salvini riconosce di aver votato il rinnovo della concessione ad Autostrade in tempi in cui il crollo del viadotto Morandi a Genova era molto lontano da venire.
Ma attacca chi non ha fatto i dovuti controlli. Salvini a chi stamattina ad Agorà gli chiedeva se "la norma, votata anche da lei, fu un errore, ha risposto così: “Se è così, sicuramente. Però - ha aggiunto - da parte di chi ha governato per anni e anni, e ha firmato e verificato le concessioni, un buon silenzio sarebbe opportuno".
La norma cui si fa riferimento è un decreto nel 2008. A renderlo noto su Twitter è stata Debora Serracchiani, ex presidente Pd della Regione Friuli Venezia Giulia. “Nel 2008 Salvini votò a favore del cosiddetto "salva Benetton" che diede al gruppo le concessioni molto vantaggiose per Autostrade – ha scritto la dem - Governava con Berlusconi. Ora non se lo ricorda più?. La replica del ministro dell’Interno non si è fatta però attendere. "Non mi sostituisco a chi sta ricercando - ha detto - ricordo che io e miei colleghi e amici abbiamo giurato il primo giugno e oggi è 20 agosto: giusto che rispondiamo su quel che abbiamo fatto e non fatto, ma che qualsiasi cosa sia accaduta al mondo sia colpa del Governo Conte Salvini Di Maio... penso che chi ci ascolta pensi sia una barzelletta".
Sulla questione è tornato anche nel primo pomeriggio parlando con i cronisti. "Invidio chi si ricorda cos'ha fatto nel 2008. C'è gente che sta governando da 7 anni e che quelle concessioni le ha firmate, prorogate e allungate", ha detto il vicepremier da Milano. "Fossi in un parlamentare Pd manterrei un dignitoso silenzio, spiace che ci sia gente che polemizza su selfie e atti parlamentari di dieci anni fa". E poi ha spiegato che "verificherà" cosa ha fatto "dieci anni fa", ma "sto cercando di fare di tutto per non rispondere a polemiche folli. Se io dovessi rimproverare al Pd tutto quello che ha fatto o non ha fatto in questi anni passerei le mie giornate così".
Rispetto a Di Maio, il vicepremier leghista nei primi giorni era sembrato più cauto sulla revoca della concessione alla società. “Io non sono pro e contro Autostrade o Benetton – ha ribadito oggi ad Agorà - Non sono contro i privati, ma in questo caso il privato ha fatto un disastro. Quello che faremo noi sarà dettato da voglia di vendetta ma di giustizia. E mentre Toninelli propone la nazionalizzazione di Autostrade, il leghista dice che “studiando i bilanci” anche lui sarebbe favorevole.

Nessun commento

Partecipa alla discussione