Breaking News

6/breakingnews/random

La guerra delle macchine è appena cominciata

1 commento

Di Francesco Quartararo
Che ci crediate o meno, l’esercito USA oltre a preparare droni, sistemi di difesa spaziale e armi meteorologiche, si apprestano ad essere presto schierate anche robot o droni senza controllo umano per la gestione dei conflitti. Come nel più classico dei libri di fantascienza di Isaac Asimov, si è aperta una questione che è già stata discussa all’ONU.
I primi ad essere testati sul campo sono stati i bellicosi Swords, in Iraq. 
Le armi in questione sono perfette per le guerre urbane e quelle legate alla lotta al terrorismo, lontane dal campo aperto. Il problema è il “settaggio”  di queste macchine. In base a quali parametri Swords ed i suoi cugini potrebbero distinguere un terrorista da una madre con un bambino in braccio?
Peggio ancora, in Corea del Sud, in vista di una possibile escalation di una guerra con la Corea del Nord è stato messo in campo un nuovo robot, l’SGR1 spara a vista a qualsiasi cosa si muova e tutti quelli in fase di elaborazione sono elaborati per colpire esseri umani, in barba alle leggi della robotica, teorizzate proprio da Asimov.
L’ONU, come accaduto già negli anni ’70 nel caso della guerra climatica, mette le mani avanti per uno dei possibili sviluppi futuri dell’industria delle armi e della tecnologia militare. Al momento, stime ufficiali considerano la tecnologia militare mediamente più avanzate di circa 30 anni rispetto a quella “civile”.

1 commento

  1. Sinceramente questa cosa mi spaventa un po, non poter controllare una macchina e´davvero impressionante e mi mette paura...mi sembra un po´di andare verso un periodo dove la diplomazia e la comminuzione vengono abbandonate per lasciare posto a una cosa che sinceramente mi sembra troppo futuristica.

    RispondiElimina

Partecipa alla discussione

NEWS, SITI CONSIGLIATI & BLOGROLL

VISUALIZZAZIONI TOTALI

Follow by Email

Contact Me

Nome

Email *

Messaggio *