Follow by Email

Total Pageviews

ULTIMI ARTICOLI

Blog Archive

SITI E BLOG CONSIGLIATI(ITA-INTERNAZIONALI)

Followers su Blogger

Translate

La Scienza della Persuasione
Cosa ci rivela il cervello sul nostro potere di cambiare gli altri
€ 15

|Informazione Consapevole, L'Informazione Libera E Indipendente|

Javi Poves,il calciatore rivoluzionario lascia il calcio a 24 anni:Il calcio è capitalismo e il capitalismo è morte."

Share it:
Javi Poves, il calciatore rivoluzionario: "Lascio il calcio perchè c'è troppa corruzione"
Di Silvio Frantellizzi 





Javi Poves, difensore spagnolo dello Sporting Gijon, ha deciso di lasciare il calcio a 24 anni perché “Stufo di un mondo professionale dove contano solo denaro e corruzione”.
Nei giorni in cui i calciatori italiani minacciano lo sciopero per “salvaguardare i propri diritti di lavoratori”, dalla Spagna arriva una notizia che dovrebbe far riflettere tutto il sistema del calcio. Javi Poves, difensore ventiquattrenne dello Sporting Gijon ha lasciato il calcio giocato: non per problemi con l’allenatore, nemmeno per bizze personali ma solamente perché si è stufato di appartenere ad una classe di privilegiati in un mondo pieno di corruzione.
IL CALCIO è CAPITALISMO - “Il calcio professionale è solo denaro e corruzione – ha dichiaratoPoves, che in passato aveva chiesto alla società di sospendere il pagamento del suo stipendio tramite transazioni bancarie perché non voleva che si speculasse sul suo denaro -  Il calcio è capitalismo  e il capitalismo è morte. Non voglio più far parte di un sistema che si basa su ciò che guadagna la gente grazie alla morte di altri in Sudamerica, Africa o Asia. A cosa mi serve guadagnare tanto se quello che ottengo è frutto della sofferenza di molta gente? La fortuna di questa parte del mondo esiste solo grazie alle disgrazie del resto, per me si dovrebbero bruciare tutte le banche”.
RIVOLUZIONARIO DEL PALLONE - Parole da rivoluzionario quelle di Javi, che non molto tempo fa aveva restituito allo Sporting Gijon la macchina che gli aveva regalato la società, perché si vergognava di possedere due vetture.  Parole che colpiscono un mondo che regala emozioni ma a caro prezzo: “Da quando siamo piccoli veniamo trattati come bestie, ci istigano alla competizione e quando si raggiunge una certa età, poi è difficile tornare indietro. Finché la gente continua ad accettare il sistema che esiste non sarà facile cambiare le cose - ha dichiarato l’ormai ex calciatore che ha rivelato di studiare storia all’università – voglio vedere cosa succede nel mondo, andare nei posti più poveri per capire le difficoltà del mondo”. Un gesto forte, fuori dall’ordinario, arrivate da un ragazzo normale, che si è sentito sporco e invece di nascondersi dietro ai privilegi ha scelto di urlare la sua insofferenza, portato all’esasperazione dai “padroni” che avvelenano il calcio giorno dopo giorno.

foto: mas.lne.es


Share it:

Anticapitalismo

calcio

calcio mercato

Capitalismo

Consumismo

corruzione

denaro

imperialismo multinazionale

Javi Poves

Multinazionali

Spagna

Post A Comment:

13 comments:

  1. Questo è un segnale forte. Spero che come lui ce ne siano tanti. I ragazzi sono la forza del cambiamento

    RispondiElimina
  2. Sbaglia a lasciare il calcio,se lascia le sue idee moriranno in fretta.Resta nel mondo del calcio,e le tue idee,se sono giuste e valide avranno una cassa di risonanza mondiale.Tra un anno lui e le sue idee saranno finite nel dimenticatoio,mentre restando avranno una presenza continua. Certo bisogna vedere se il mondo del calcio è in grado di reggere nel suo interno un rivoluzionario!!!!

    RispondiElimina
  3. Grazie dei commenti I Am e Mauri,io penso che non sbagli a lasciare il calcio,anzi,questa sua presa di distanza potrà svegliare le coscienze di molti altri e portare al boicottaggio(e poi è anche da noi che dipende il sistema che ci viene inculcato,se l'ho rifiutassimo invece crollerebbe se non all'istante,in poco tempo)comunque un'altro calciatore che critica il sistema e si è sempre impegnato contro di esso è Tommasi,che non ha caso ora che non è più calciatore è poco ricordato ,mentre tutti vanno dietro i calciatori "agenti" dell'imperialismo multinazionale come Totti o Vieri et similia

    RispondiElimina
  4. Un Tommasi che ora è il capo del sindacato calciatori...il sindacato dei miliardari dove l'ex calciatore di verona e roma si occupa di tutelare gli interessi dei suoi ricchi ex colleghi ;-)

    RispondiElimina
  5. Ah,grazie Fabrizio dell'informazione,non l'ho sapevo,comunque io avevo visto (in una puntata di Report quando c'era Barnard)Tommasi criticare le multinazionali

    RispondiElimina
  6. notizia incredibile che offre spunti interessanti. però, caspita, ogni post dell'admin (informazione consapevole) è un tackle contro l'ortografia italiana... perdonami, forse è un t9 particolarmente sballato, o forse l'italiano non è la tua lingua madre... ma raramente ho visto utilizzare l'acca più a sproposito. cristosanto ragazzi! tante cose. martino

    RispondiElimina
  7. Ciao Martino,eh si gli orrori ortografici:molte volte la causa è lo scrivere veloce,a volte la disattenzione ,e così via.Sai la grammatica e l'hortografia sono delle opinioni relative ,e comunque sì non vado tanto d'accordo con queste due .Per quanto riguarda l'acca ,un'acca è sempre un'acca,una vale l'altra ...tante cose hanche(naturalmente le h in eccesso sono messe (h)apposta) per te,ciao

    RispondiElimina
  8. JAVI POVES SEI IL MIO MITOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. però se rimanesse qualcuno potrebbe dire che non ha morale, perchè dice che il calcio è "sbagliato" ma intanto ci resta... il problema è chi deve far notizia che non amplifica la sua voce

    RispondiElimina
  10. ...un segnale veramente forte, è bello vedere che ci sono ragazzi che amano il mondo, amano la vita e non vogliono sporcarla con la feccia denaro. Bravo, bravissimo, un grande plauso per Javi, chissa se qualcuno seguirà il suo esempio?.

    RispondiElimina
  11. Ciao Informazione Consapevole.
    Un mio amico blogger mi ha segnalato il tuo blog che trovo molto interessante perchè parli di notizie assolutamente lasciate in disparte. E si capisce il perchè.
    Javi Poves è molto giovane e ha idee chiare e rinuncia a moltissimo. UN ELEMENTO PERICOLOSISSIMO.
    Spero che resista alla lusinghe del Sistema Neoliberista che ci sta portando all'estinzione.
    Spero che tu venga a trovare il mio blog.

    RispondiElimina
  12. Ciao Daniela,grazie per i complimenti al blog.Hai ragione,Javi Pones è un elemento molto pericoloso per il sistema e la sua scelta potrebbe fare da scintilla per una presa di coscienza generale della gente.Ho visto il tuo blog e sono diventato un follower.Anche il tuo blog è molto interessante,sopratutto il post sulla rivoluzione islandese.

    RispondiElimina
  13. Sono rimasta senza parole...e meno male che ancora qualcuno pensa e spera che la vita non può ruotare solo e semplicemente intorno al denaro...un plauso a Javi, i giovani hanno bisogno di persone esemplari...chi avrebbe lasciato questo mondo apparentemente dorato?Voglio credere che pensi veramente ciò che ha rilasciato,dando un senso nuovo alla propria esistenza e a chi è meno fortunato..

    RispondiElimina

Partecipa alla discussione