Page Nav

Grid

GRID_STYLE

Breaking News

latest

L'avanzata dell'ISIS e l'inizio della Terza Guerra Mondiale

Di Salvatore Santoru In una recente intervista rilasciata a  Luke Rudkowski, ex giornalista BBC e fondatore di “ We Are Change ”,lo sc...



Di Salvatore Santoru


In una recente intervista rilasciata a Luke Rudkowski, ex giornalista BBC e fondatore di “We Are Change”,lo scrittore e ricercatore David Icke ha spiegato che il mondo si sta dirigendo sempre di più verso una nuova guerra su scala globale, e l'avanzata dei fondamentalisti dell' ISIS aggiunge un'ulteriore tassello a tutto ciò.


Nell'intervista Icke ripercorre l'ascesa del gruppo terrorista, avvenuta in pochissimo tempo e ricorda che tale gruppo è "incredibilmente" ben armato e finanziato, con oltre 2 miliardi di dollari,  cosa che può risultare alquanto "strana" per un gruppo del genere.

Tale questione era stata già ricordata tra l'altro da un articolo di Maurizio Molinari su "la Stampa" del 21 settembre scorso, in cui si affermava anche che i maggiori finanziamenti a ISIS derivano dal Quatar e dal Kuwait, paesi che "paradossalmente" risultano alleati degli Stati Uniti che combattono la stessa ISIS, paesi che hanno anche finanziato la cosiddetta "rivoluzione" in Siria, da dove i terroristi ISIS hanno iniziato la loro sanguinaria conquista del Medio Oriente.



Continuando nell'intervista Icke afferma che sia l'avanzata di ISIS che l'eventuale prossima Terza Guerra Mondiale servano all'instaurazione del cosiddetto "Nuovo Ordine Mondiale", ovvero la costruzione di un'unico stato globale di stampo presumibilmente totalitario, a cui aspirano diverse lobby di potere internazionali.



Secondo il ricercatore inglese sia la guerra in Libia che l'attuale situazione siriana sono parte di tale piano, e la Terza Guerra Mondiale coinvolgerà anche Cina e Russia, quest'ultima sempre di più in pessimi rapporti con gli States e l'UE a causa della questione ucraina.



Nell'intervista Icke cita anche il probabile ruolo che avrà Israele in tale situazione, ipotizzando che a causa di un'eventuale attacco ISIS allo stato ebraico, ciò risulterebbe come casus belli della guerra vera e propria.

Su quest'ultimo punto, c'è anche da dire che la questione israelo/palestinese risulta indubbiamente importante in tale "piano", come avevo anche ricordato in un articolo di luglio.



Utilizzando un pò di dietrologia, al riguardo risulta molto interessante la resunta descrizione della Terza Guerra Mondiale che si dice sarebbe stata fatta nel presunto carteggio ( sulla cui autenticità  comunque non ci sono  prove), tra Albert Pike e Giuseppe Mazzini.
"La Terza Guerra Mondiale dovrà essere fomentata approfittando delle divergenze suscitate dagli agenti degli Illuminati fra sionismo politico e dirigenti del mondo islamico. La guerra dovrà essere orientata in modo che Islam (mondo arabo e quello musulmano) e sionismo politico (incluso lo Stato d'Israele) si distruggano a vicenda, mentre nello stesso tempo le nazioni rimanenti, una volta di più divise e contrapposte fra loro, saranno in tal frangente forzate a combattersi fra loro fino al completo esaurimento fisico, mentale, spirituale ed economico ".

2 commenti

Partecipa alla discussione

ARCHIVIO